Viviamo in un regime di liberismo finanziario che rallenta fortemente l'applicazione della Costituzione soffocando democrazia ed autonomia dei popoli. Resistere non è più sufficiente, si deve passare al contrattacco, rimuovendo ostacoli per attuare giustizia sociale e promuovere lo sviluppo della persona umana. Lottare per i beni comuni e per le persone. Si lotta senza denari, con profondo amore ed infinita passione. Cercasi combattenti, da reclutare nell'esercito popolare di lotta per i beni comuni e per la liberazione. In cambio cediamo i Ponzio Pilato e i Don Abbondio. Si deve lottare con il corpo, con la mente e con il cuore, chi ha paura della rivoluzione si metta di lato...la rivoluzione è lotta, rischio e coraggio, è sentimento, finanche sofferenza, certamente non è una cena di gala in salotto con maggiordomi e camerieri. Ma lottare significa anche vivere e vedere l'alba, mollare invece vuol dire sopravvivere nelle tenebre senza sentire il battito del cuore.

Previous post

La Città sta lottando per togliersi di dosso ...

Next post

Una nave di profughi naufraghi è arrivata nei ...