Scrivo questo post poco prima delle 23 di domenica ad urne ancora chiuse e ne programmo la pubblicazione su fb alle 8 di lunedì. Non so chi governerà, vedremo. Nasce una nuova legislatura, con parlamentari che sederanno in scranni che hanno fatto la storia del nostro Paese, nella Camera dei Deputati e nel Senato della Repubblica in cui sono state scritte, dal dopoguerra, pagine belle e pagine indegne. Negli ultimi quarant’anni, a mio avviso, quelle poltrone sono state soprattutto comode e lussuose, protagoniste di una lunga e brutta stagione politica, non certo legislature ricordate in positivo per il progresso della nostra società in maniera costituzionalmente orientata. Certamente le poltrone dei Sindaci, eletti direttamente dal popolo e non con leggi truffa, scottano di più, piene di responsabilità e di pericoli, sono povere, trasudano fatica e sacrifici. Stiamo sempre a contatto con la gente. Certo, anche tra i sindaci ci sono mariuoli, affaristi, incapaci. Dopo sette anni di Sindaco, in una missione ardua, faticosa ed appassionata, auspico che il nuovo Parlamento, finalmente, ponga attenzione ai territori che rappresentiamo, da sud a nord dell’Italia, ai diritti oppressi ed ai bisogni negati, al debito storico ereditato che soffoca ed impedisce la nostra azione. Si legiferi per le persone, per i diritti, per la giustizia, per l’uguaglianza, per la felicità del Popolo. L’Italia ha bisogno di ritrovare coesione democratica, pur nelle profonde diversità, non possiamo consentirci una stagione di rancore profondo, di odio, di indifferenze. L’Italia ha bisogno di democrazia partecipata, di militanza popolare, di profonda onestà e coraggio nella rottura del Sistema, di affidabilità di governo e, finalmente, di attuazione della Costituzione nata dalla resistenza al nazifascismo.

Print Friendly, PDF & Email
Aggiungi un commento con la tua esperienza, un tuo quesito o altri dettagli per migliorare il post.
Previous post

La Politica spesso è stata ed è ancora oggi ...

Next post

Sono troppo indignato in questi giorni. Non riesco ...