Nei giorni scorsi magistratura e forze dell’ordine hanno arrestato, per il gravissimo reato di incendio boschivo, uno degli indiziati piromani che hanno dato fuoco al Vesuvio. Nei confronti degli accusati di questi disastri naturali e di altri attentati ai beni comuni – vale per il Vesuvio, come per gli Astroni, come per ogni altro luogo paesaggistico o culturale – noi ci costituiremo parte civile. Chiederemo condanna a pene esemplari, magari da commutare ad un certo punto in lavori di ripristino dei luoghi violati. Ma non solo. Chiederemo il risarcimento dei danni e con i loro denari, averi e proprietà si contribuirà a ricostruire quello ohe hanno distrutto. Con la speranza che potranno capire, loro come altri criminali o stolti, che i beni comuni, la natura, i monumenti, la cultura sono patrimonio dell’umanità, da preservare, difendere, valorizzare ed amare, altrimenti la vita non ha senso compiuto. Vanno sovvertiti i valori: il bene di tutti vale più del bene di uno, il noi vale più dell’io, la condivisione vale più del possesso, l’essere tutti fruitori vale più che essere unico proprietario.

Print Friendly, PDF & Email
Previous post

In diretta facebook repubblica napoli

Next post

Mentre dal basso, nella nostra Città, in questa ...