Lavoreremo da settembre perché possa crescere sempre di più la coesione sociale nella nostra amata Napoli. L'Italia arranca perché non è coesa. Troppo divisa. Scenario a tratti davvero desolante. Basta vedere il dibattito pseudo-politico sull'abusivismo che si è scatenato su Ischia dopo il terremoto e l'inconsistenza politica con tutte le gravi responsabilità emerse a Roma dopo la pessima storia di abitanti della città sgomberati con violenza con il sostanziale assenso delle istituzioni tutte. Napoli è città complessa e difficile. Con problemi forti e radicati. Ma in questi anni è ripartita fortemente dai suoi abitanti, anche contro i poteri. Noi siamo stati dalla parte del popolo, dandogli forza e potere, rompendo il sistema, provando a dare una guida alla città, ad indicare e realizzare una visione di comunità. Napoli è divenuta insieme più città-comunità e più città-stato. Meno distanze tra rappresentati e rappresentanti, più comunità, più appartenenza alla terra, più unita'. Politicamente lavoreremo per rafforzare la coesione in città: valorizzando le differenze - che rappresentano ricchezza culturale ed economica - e riducendo le disuguaglianze. Noi siamo per costruire comunità in cui umanità, pace, solidarietà e amore sono valori praticati. Non ci piace quello che accade in altre parti del mondo e del nostro Paese: egoismi, razzismi, violenze, rancore, indifferenze ed anche squallore politico-istituzionale. Orgoglioso di essere napoletano e sindaco della mia città. E' tutto più difficile dalle nostre parti, ma grazie a Napoli e ai napoletani che lottano con pazienza e determinazione insieme a noi ogni giorno ce la faremo. Con tenacia e passione. Prima le persone, il popolo e la nostra terra. La nostra città merita dedizione assoluta ed il lavoro messo in campo premierà Napoli.

Previous post

Questa estate la cronaca nera locale, nazionale ed ...

Next post

La forza di Napoli è soprattutto nel suo orgoglio ...