La settimana scorsa i bravi e coraggiosi Pubblici Ministeri di Palermo nella requisitoria in Aula nel processo sulla trattativa tra pezzi di Stato e cosa nostra hanno ricostruito alcuni fatti gravissimi ed inquietanti che, doverosamente, vanno ripresi. Paolo Borsellino viene ucciso - il 19 luglio del 1992 - perché aveva compreso le dinamiche stragiste all'origine della strage di Capaci ed anche perché aveva scoperto che mentre uomini dello Stato indagavano nella giusta direzione altri pezzi di Stato trattavano con la mafia. Borsellino sapeva che era arrivato il tritolo ma non si è fermato. Un eroe, un uomo i cui sentimenti ed ideali di giustizia erano più forti della paura. Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola. Nel luglio del 1992 l'allora Ministro dell'Interno Nicola Mancino incontra Paolo Borsellino al Viminale pochi giorni prima della strage. Borsellino - è negli atti - rimane turbato da quell'incontro, ma Mancino - sentito in questi anni nelle indagini e nel processo - ha ricordi vaghi di quell'incontro. Il Pubblico Ministero Nino Di Matteo - magistrato che rischia la vita per i procedimenti penali di cui è titolare ed al quale va la mia più totale vicinanza e solidarietà - parla, nella requisitoria, di omertà istituzionale. Negli anni scorsi - durante le indagini sulla trattativa - Mancino interviene sui vertici del Quirinale interferendo - risulta dagli atti - sulle indagini dei magistrati. Presidente della Repubblica è Giorgio Napolitano. Ci sono riscontri e telefonate inquietanti. Purtroppo non tutto sapremo più perché le intercettazioni telefoniche, su input dello stesso Presidente Napolitano, verrano distrutte. Nella requisitoria emerge uno Stato spaccato a metà: mentre magistrati autonomi ed indipendenti cercano la verità sulla pagina più buia della nostra democrazia degli ultimi decenni, vertici dello Stato frappongono ostacoli alla giustizia. La coppia Mancino-Napolitano l'ho conosciuta bene da magistrato e ne ho sperimentato il loro modo di agire nei confronti della giustizia anche sulla mia pelle. Con esiti che hanno distrutto la mia professione e cambiato per sempre la mia vita, quella di molti miei collaboratori e delle nostre famiglie. Negli anni 2007-2008 Mancino era Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura e Napolitano Presidente della Repubblica e, quindi, Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura. Svolgevo, all'epoca, le funzioni di Pubblico Ministero presso il Tribunale di Catanzaro. Mi furono scippate due inchieste delicatissime che stavano ricostruendo fatti gravissimi ed inquietanti sui rapporti tra criminalizzata organizzata, politica, istituzioni, economia e massoneria deviata. Il Ministro della Giustizia era Mastella, il quale chiese l'urgente mio allontanamento da Catanzaro e l'incompatibilità con le funzioni di PM. Il Ministro della Giustizia, vertici della Magistratura, Mancino ed il Presidente della Repubblica fermarono, in poche settimane, lavori ed inchieste, che si trovavano nella fase finale e decisiva, che avrebbero disvelato intrecci che coinvolgevano anche vertici dello Stato. Di questo ne ho le prove e non ho taciuto, da umile e determinatissimo servitore dello Stato. Le ho fornite, come prevede la legge, all'autorità giudiziaria competente, la Procura della Repubblica di Salerno. Sono stato verbalizzato per circa cento volte. Abbiamo ricostruito, nel dettaglio, anni ed anni di indagini e processi. Quando finalmente la verità comincia a venire a galla e magistrati autonomi e coraggiosi, in pool, depositano atti e provvedimenti scatta lo tsunami istituzionale che li ferma e li trasferisce in poche settimane. Chi decide di distruggere il percorso verso verità e giustizia condotta dai magistrati competenti per legge? Sempre il Consiglio Superiore della Magistratura, ai cui vertici si trovavano ancora Mancino e Napolitano. Sono rimasti i miei verbali, a cui nessuno ha più voluto dare seguito, dopo la forza distruttrice dello tsunami di Stato. La distruzione professionale di alcuni magistrati ha prodotto danni irreversibili alla giustizia. Ma la Storia non è finita. Negli anni molti di quei fatti criminali sui quali abbiamo lavorato, sacrificando le nostre vite, stanno emergendo. Per quanto mi riguarda, in altre vesti istituzionali, ho portato la stessa sete di giustizia e la stessa lotta per le verità. Dando potere al popolo - che attiverà la rivoluzione culturale necessaria - ed assumendoci ruoli di responsabilità nello Stato - l'alba è sempre più vicina - libereremo lo Stato da mafie e corruzioni affinché si conosca anche il putridume istituzionale che ha infangato la nostra Repubblica. L'Italia merita uno Stato che attui la Costituzione, libero da mafiosi, corrotti e persone che puzzano di compromesso morale e che si fanno scudo di una presunta ragion di stato, che non esiste, ma è solo la copertura dei loro sporchi interessi e miseri affari. Non smetterò mai di indignarmi. Grazie - da cittadino, da ex magistrato, da sindaco - alle donne e agli uomini dello Stato che, comunque e nonostante tutto, non mollano, con onestà e coraggio.

Previous post

In questi giorni stiamo lavorando anche per ...

Next post

Mentre c'è chi parla - senza cervello, senza ...