Ultimi post

PRIMO PIANO

Siamo tutti impegnati in questi giorni senza sosta, giorno e notte, affinché nella manovra economica del Governo ci siano risposte concrete per i bisogni dei cittadini, per la sicurezza dei territori, per il miglioramento di tutti i servizi e per la lotta alle povertà. Stasera nuova riunione su ANM. Noi lottiamo sempre, non molliamo mai e lavoriamo, senza risorse ma con tanta forza e coraggio, nell'interesse della Città e dei suoi abitanti. Saranno tre mesi fondamentali per ottenere i nostri diritti e per consolidare la forza della nostra città. Restiamo uniti e sono certo che vinceremo !

Read More
PRIMO PIANO

Sabato mattina ho incontrato in Vaticano, unitamente ad altri Sindaci, Papa Francesco. Nel suo messaggio il Papa ha esortato i Sindaci ad avere coraggio e tenerezza nello stare tra la gente. Sabato pomeriggio mi sono confrontato, nel teatro Politeama di Napoli, con Yanis Varoufakis e con esponenti dei movimenti della nostra città. Abbiamo discusso di lotta alle politiche liberiste per la costruzione dell'Europa dei popoli e dei diritti. Le politiche della troika sono l'origine dello strangolamento finanziario dei territori. Domenica, poi, è stato il giorno dell'attacco del governo spagnolo al popolo catalano. Chi attacca i popoli attenta alla democrazia, non si manganella un popolo che rivendica sovranità. Ognuno può pensarla come vuole sul referendum per l'indipendenza, ma manganelli e proiettili di gomma contro il popolo ricordano il franchismo. Oggi ci rechiamo dal Presidente Gentiloni affinché nella prossima manovra economica il Governo sostenga le battaglie degli enti locali per i beni comuni, per l'attuazione della Costituzione. Basta strangolamenti finanziari e normativi. Siamo ad un punto decisivo: il Governo decida se stare dalla parte dei bisogni concreti degli abitanti del nostro Paese o sempre dalla parte dei poteri forti, come il sistema finanziario ed i signori delle armi. Mentre mi reco a Roma a lottare per la mia città, i napoletani sono vittime di uno sciopero di 24 ore del trasporto pubblico. Mentre troppi si giocano partite che non sono nell'interesse dei cittadini e dei lavoratori, noi stiamo lottando per salvare il trasporto pubblico, renderlo efficiente in linea con le capitali europee e salvaguardare i diritti dei lavoratori. Nel frattempo c'è chi si gioca partite meschine, contro la città. Se non si resta uniti è difficile vincere ed i primi che pagheranno, presto, saranno i lavoratori, con licenziamenti pesanti. Come amministrazione comunale faremo di tutto per evitarlo, ma riscontriamo che non tutti stanno andando nella stessa direzione. Siccome siamo l'unica amministrazione italiana tra le città metropolitane che ha difeso i servizi pubblici, senza privatizzare e licenziare, e che ha messo in campo una imponente strategia di rilancio immediato del trasporto pubblico in area metropolitana, oggi esprimo solidarietà totale ai miei concittadini per gli ingiusti disagi che devono subire e che si sommano ad un trasporto locale ancora lontano dagli standard a cui puntiamo, non certo per colpe di questa amministrazione. Senza soldi e sommersi da debiti ereditati da stagioni politiche fallimentari, se non c'è coesione sociale questa partita rischia di perdersi. Noi non molliamo e faremo di tutto per raggiungere il risultato, vedremo chi vuole la vittoria e chi invece è contro i cittadini e i lavoratori. Ai napoletani dico: vinceremo ! P. S. : 7 vittorie su 7. Forza Napoli sempre !!

Read More
PRIMO PIANO

C'è chi nel mondo prepara conflitti con effetti distruttivi per il genere umano al fine di alimentare l'economia liberista fondata sulle guerre ed arricchire così i produttori di armamenti con le loro società quotate in borsa; c'è chi nel mondo distrugge la natura arrivando taluni anche a sostenere che il cambiamento climatico è pura invenzione; c'è chi nel mondo, ed anche in Italia, organizza ronde e milizie contro le persone differenti; c'è chi nel mondo fonda la propria vita privata e pubblica su corruzioni e mafie. Ci sono, invece, nel mondo anche coloro che decidono di organizzare masse popolari in difesa dei beni comuni: eserciti in difesa delle terre, delle montagne, dei mari, dei fiumi, dei monumenti, delle case, delle persone in difficoltà. Difesa popolare per i beni comuni, per la sicurezza e per lo sviluppo della persona umana. Persone organizzate senza armi convenzionali, ma con le armi della lotta democratica popolare per costruire un presente diverso e alternativo. Va organizzato l'attacco frontale alle politiche liberiste per costruire l'alternativa sociale, economica e politica. La lotta in difesa dei beni comuni e per l'attuazione della Costituzione - che parte dal basso, dai territori - unisce persone differenti per il popolo unito.

Read More
PRIMO PIANO

Che bello il nostro Sud anche dall'orbita. Che foto splendida. La nostra Terra, spesso ferita, talvolta violentata, ma sempre stupenda, piena di fascino, ricca di umanità, con radici storiche millenarie, immortale. Terra di amore, di mescolanze, di meticciati, di contaminazioni, di cultura profonda, di sofferenze, senza però smarrire mai la voglia di sorridere. Terra che unisce nelle diversità, Terra accogliente con il cuore aperto. Il nostro Sud che vuole costruire ponti di pace per una rinnovata coesione del nostro Paese. A coloro che fondano la loro azione nel rancore e nell'odio rispondiamo con la costruzione di comunità dell'unità nelle differenze, alla ricerca del benEssere. Con fierezza e orgoglio di appartenere alle nostre terre. Sempre più in tanti siamo al lavoro per costruire un Sud autonomo, forte e potente, mai contro, ma per la nostra gente, per i nostri popoli. Stanchi di discriminazioni ed ingiustizie, con infinita sete di giustizia, mai domi, sempre in lotta. Napoli ci sta provando, tra duri problemi, abbiamo lanciato la sfida in questi anni e la porteremo fino in fondo, rimuovendo gli ostacoli, e la vinceremo, con passione e coraggio. Non siamo zavorra, ma potente energia. Senza Sud non c'è Italia. Senza i Sud il mondo è meno umano.

Foto di: https://twitter.com/astro_paolo

Read More
PRIMO PIANO

La lotta dovrà essere sempre dura e determinata in difesa dei beni comuni. Senza confini, unendo le persone nella partecipazione e nella lotta. Dai terremoti, alla siccità, agli incendi, ai nubifragi, al dissesto idrogeologico. È vergognoso lasciare senza risorse i territori, senza difese gli abitanti e mettere con il cerino in mano i sindaci. Non è più sopportabile che i Governi trovino miliardi per salvare banche e miliardi per armi di distruzione di massa e non vogliano predisporre norme, provvedimenti e risorse per tutelare, valorizzare e mettere in sicurezza la bellezza della nostra Italia. Natura, paesaggio, cultura, storia. Bisogna arrestare questa corsa distruttiva attuando la Costituzione e rimuovendo gli ostacoli che impediscono lo sviluppo delle persone.

Read More
PRIMO PIANO

La forza di Napoli è soprattutto nel suo orgoglio ritrovato, nel senso di appartenenza che i napoletani hanno riscoperto. Non cederemo di un millimetro sui nostri valori e nelle nostre battaglie. Rimanere umani, città rifugio, città solare tra mille sofferenze, lotta per i beni comuni, mani pulite ed autonomia. Volontà forte di costruire una città-stato-comunità. Senza discriminazioni e riducendo quanto più è possibile le disuguaglianze. Lavoriamo senza sosta per superare la sofferenza finanziaria cronica ereditata anche per raggiungere servizi degni di una nuova capitale. Coloro che vengono nella nostra città - ed ormai sono decine di migliaia di persone al giorno - sentono un'aria di vita buona, diversa, positiva, forte, fiera, accogliente. Pur tra problemi gravi. Siamo solo all'inizio, non molliamo mai, restiamo uniti, con le nostre radicate comunità civiche urbane, e raggiungeremo vette mai raggiunte. Per Napoli ed il suo popolo !

Read More
PRIMO PIANO

Lavoreremo da settembre perché possa crescere sempre di più la coesione sociale nella nostra amata Napoli. L'Italia arranca perché non è coesa. Troppo divisa. Scenario a tratti davvero desolante. Basta vedere il dibattito pseudo-politico sull'abusivismo che si è scatenato su Ischia dopo il terremoto e l'inconsistenza politica con tutte le gravi responsabilità emerse a Roma dopo la pessima storia di abitanti della città sgomberati con violenza con il sostanziale assenso delle istituzioni tutte. Napoli è città complessa e difficile. Con problemi forti e radicati. Ma in questi anni è ripartita fortemente dai suoi abitanti, anche contro i poteri. Noi siamo stati dalla parte del popolo, dandogli forza e potere, rompendo il sistema, provando a dare una guida alla città, ad indicare e realizzare una visione di comunità. Napoli è divenuta insieme più città-comunità e più città-stato. Meno distanze tra rappresentati e rappresentanti, più comunità, più appartenenza alla terra, più unita'. Politicamente lavoreremo per rafforzare la coesione in città: valorizzando le differenze - che rappresentano ricchezza culturale ed economica - e riducendo le disuguaglianze. Noi siamo per costruire comunità in cui umanità, pace, solidarietà e amore sono valori praticati. Non ci piace quello che accade in altre parti del mondo e del nostro Paese: egoismi, razzismi, violenze, rancore, indifferenze ed anche squallore politico-istituzionale. Orgoglioso di essere napoletano e sindaco della mia città. E' tutto più difficile dalle nostre parti, ma grazie a Napoli e ai napoletani che lottano con pazienza e determinazione insieme a noi ogni giorno ce la faremo. Con tenacia e passione. Prima le persone, il popolo e la nostra terra. La nostra città merita dedizione assoluta ed il lavoro messo in campo premierà Napoli.

Read More
PRIMO PIANO

Questa estate la cronaca nera locale, nazionale ed internazionale è stata davvero drammatica, tremenda. Omicidi e fatti delittuosi di violenza brutale. La natura ripetutamente violentata nella sua bellezza struggente e secolare (solo per citare boschi da noi amati, il Vesuvio ed il Faito feriti a morte). Guerre combattute ed altre annunciate. Gli attentati terroristici, in particolare quello tragico di Barcellona, che ci hanno sconvolto. Tutto sembra scorrere quasi come effetti naturali di una causa ineluttabile. Ci vogliono condannare alla passività personale in un'ansia da dramma collettivo. Si sprigionano panico, ansia, ci si deprime, ma le analisi sfuggono, molta sovrastruttura, poca disamina strutturale per individuarne le profonde ragioni. La crisi di valori, di identità, di ragioni, di prospettive, di visioni, è davvero giunta ad un punto assai pericoloso, letale. La società del benessere consumistico e della felicità dell'effimero è nella sua curva senile. Ma non vuol morire, vorrebbe ripartire. L'avidità del possesso, la bramosia del potere, la smania dell'arricchimento infinito hanno annichilito la bellezza della semplicità della vita. Va riscoperta la gioia della vita nella sua essenza: l'amore per la natura, la voglia dell'incontro tra persone, la gioia del sapere, della conoscenza, della cultura. La passione per le piccole cose, spirituali e materiali. Prendersi cura del bene comune, per il benessere delle comunità. Si deve cominciare una forte opera di bonifica dove si sono radicate le comunità del rancore. Quanto odio seminato. Quante guerre ed armi per alimentare liberismo e capitalismo finanziario. Per il petrolio, per le conquiste territoriali, per le egemonie di potere. Quanto odio accumulato anche in ragazzi più o meno maggiorenni che sposano la causa terroristica che porta solo morte e nulla più. Anche per loro. Questo odio non nasce dal nulla, la religione non è una causa, il fanatismo può essere l'abito per trovare il coraggio di immolare la propria vita per distruggere quella di tanti altri. Il terrorismo va condannato e contrastato duramente, senza tentennamenti, più efficacemente ancora di come lo si sta facendo. Bisogna sconfiggere anche coloro che hanno prodotto il terrorismo o lo hanno alimentato oppure lo sfruttano. Quante armi vengono vendute ogni giorno a Stati che non contrastano il terrorismo ed in alcuni casi lo aiutano finanche? Quante montagne di denari sono state spese e vengono impiegate per guerre illegali, risorse quindi sottratte alla difesa dei beni comuni. Soldi per distruggere vite umane e la natura: comunque un attacco alla Vita di tutti per consolidare interessi economico-finanziari di pochi. La strategia del terrore è funzionale ai terroristi ma anche a chi ha costruito su guerre e terrorismi fortune politiche e finanziarie: restringimenti delle libertà, giustificazione di guerre preventive illegali, affermazione di uno stato di polizia contro lo stato di diritto, risorse economiche per armi e politiche di colonizzazione. Il capitalismo senile che sfrutta la strategia del terrore. Dobbiamo uscire da queste convergenze parallele. Si deve costruire un altro mondo, dal basso, local più che global. Alimentare solidarietà laddove c'è sofferenza, costruire amore dove allignano odio ed indifferenza, rafforzare il dialogo culturale e religioso anche laddove può germogliare il fanatismo, lottare per la difesa dei beni comuni, contrastare le politiche liberiste fondate sull'accumulazione del capitale ed il consolidamento delle disuguaglianze. Se non si riducono distanze, disuguaglianze e discriminazioni l'odio non diminuirà. Non è innalzando mura e tenendo lontano il diverso che siamo più sicuri. Le politiche della pace, della non violenza, della cooperazione, del rispetto, producono sicurezza alla lunga. Se pensiamo che la malattia passa da sola non guariremo, se affidiamo la cura a chi ha alimentato la malattia ci condanniamo a morte, se abbiamo invece sufficiente passione ed amore per la vita allora alziamoci e lottiamo, senza paura e con coraggio, per un destino diverso da quello che la strategia del terrore vuole costruire per i prossimi anni. L'amore e la sete di giustizia sconfiggono anche le paure più grandi.

Read More
SHARE

Home