Post Archive

giugno 2019

PRIMO PIANO

La venuta, non certo casuale, di Papa Francesco a Napoli rappresenta un momento assai rilevante per la nostra Città. Il convegno tenutosi presso la Facoltà Teologica di Napoli è stato caratterizzato da contenuti di altissimo livello sulla pace, il dialogo, le culture, le religioni ed il ruolo strategico del Mediterraneo per la stabilità e la costruzione di un mondo migliore. Il Santo Padre ha tenuto un discorso illuminante e di strategica prospettiva proprio sul ruolo di tutta l’area geopolitica che ricade sul Mediterraneo. L’importanza decisiva del dialogo tra i popoli, la funzione vitale dell’ascolto dell’altro, il nostro mare quale luogo di meticciato e di accoglienza, il Mediterraneo quale posto di incontro tra culture e popoli diversi. Papa Francesco ha concluso il suo intervento indicando Napoli quale laboratorio speciale. Questa frase segna una svolta epocale per la nostra Città. Le parole di Francesco a Napoli seguono, in naturale evoluzione attuativa, la firma del documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune firmato il 4 febbraio ad Abu Dhabi tra Sua Santità Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb. Napoli ha scelto, in questi ultimi anni, di voler contribuire a costruire un nuovo umanesimo. Centralità delle persone, senza distinzioni ed anzi valorizzando le differenze quale elemento di ricchezza di una comunità, difesa dei beni comuni (acqua, terra ed aria in primis), prima linea nella questione morale contro modelli politici ed istituzionali corrotti e mafiosi divenuti sistemici nel nostro Paese, lotta per la giustizia e per i diritti dovendo anche urtare contro una legalità formale che stride rispetto a valori etici e costituzionali, contrasto ad ogni forma di disuguaglianza, solidarietà e fratellanza, alternative economiche contro un sistema fondato su finanza e denaro che ha reso il mondo più diseguale e più insicuro. Un presente ed un futuro di pace e meno ingiusto non si realizza con il rancore, con politiche discriminatorie e di odio nei confronti del diverso, realizzando nel povero e nell’emarginato il ruolo del socialmente pericoloso per le magnifiche sorti e progressive. La pace ha bisogno di coesione, comprensione, compassione, amore, dialogo, giustizia. I modelli dominanti tendono, per salvare se stessi, a mettere i ceti sociali meno poveri contro i poveri ed i più poveri contro quelli ancora più poveri, il potere costituito per alimentare il suo potere mette i popoli gli uni contro gli altri. Napoli vuole essere, invece, in prima linea nell’unire i popoli per difendere il Mediterraneo dall’olocausto e per salvare il Pianeta, giunto ai limiti della catastrofe per i cambiamenti climatici proprio a seguito delle politiche neoliberiste fondate sul petrolio, sulle guerre, sullo sfruttamento, sul predominio assoluto delle ricchezze materiali, sul consumismo universale. Napoli non sarà silenziosa, men che mai complice, neanche connivente. Napoli sarà, come insegna la sua Storia, partigiana. Perchè i cambiamenti e le rivoluzioni si fanno dal basso. La Costituzione non è solo un testo da leggere, ma soprattutto diritto da applicare per realizzare fratellanza, giustizia, libertà ed uguaglianza; in quel testo si trovano i principi fondamentali per cui vale la pena alzarsi la mattina e lottare, come componenti della Repubblica, per rimuovere gli ostacoli che impediscono lo sviluppo della persona umana. Il Vangelo non è un calmante, ma la storia di un uomo che, povero e semplice, ma più ricco di tutte e tutti, ha indicato i valori per costruire la salvezza dell’umanità. E’ tutto semplice e difficile allo stesso tempo, ma è tutto rivoluzionario e, quindi, umano, pertanto possibile. E’ un orgoglio commovente per la nostra città e per il suo popolo essere scelti ed essere in prima linea nella costruzione della Storia del nostro amato Mediterraneo.

Read More
PRIMO PIANO

Carissimo Santo Padre, carissimo Francesco,
è con gioia immensa che la città di Napoli sarà nuovamente onorata della Sua presenza nel nostro territorio. Personalmente, ho avuto il privilegio e il piacere di incontrarLa in più occasioni, ma non posso non citare, in particolare, la Sua stupenda visita ufficiale a Napoli nel 2015 ed a Betlemme, nel 2014, dove ero l’unico occidentale presente, in considerazione della mia cittadinanza onoraria palestinese e degli ottimi rapporti con il popolo della Terra Santa. La Sua presenza all’incontro organizzato presso la Pontificia facoltà teologica di Napoli è preziosa e lungimirante. La profondità dei temi da tempo trattati nella sede napoletana sono da me condivisi. Il contrasto alla corruzione, la prospettiva di un nuovo umanesimo fondato sulla fratellanza tra i popoli, da ultimo, in particolare, il Mediterraneo come mare di incontro tra popoli e culture differenti. Napoli, nella sua storia, è città che ha accolto tutte le culture, religioni diverse, tanti popoli. Siamo nel cuore del Mediterraneo. Di questi tempi in cui c’è chi pensa di sigillare il mare, di costruire mura, realizzare chilometri di filo spinato, noi pensiamo che il mare debba essere luogo di vita, in cui si possano incontrare i popoli per unirsi nelle loro diversità per salvare il pianeta, il nostro mare non può essere un cimitero. Il Mediterraneo non deve essere l’olocausto del terzo millennio. Per costruire ponti di umanità contro le mura del rancore e del razzismo, si devono abbattere mura e filo spinato che tante persone hanno nel cuore e nella mente. Ed in questo la Sua opera, carissimo Francesco, mi permetto umilmente di chiamarLa così, è potente. C’è chi usa ruspe per far emergere rancori, paure ed egoismi, facendo credere che le infelicità sono colpa di chi è diverso da noi, fragile e povero, non invece causa di un Sistema che crea insopportabili disuguaglianze; c’è chi opera, invece, per far prevalere l’amore sull’odio e consentire alle persone di scegliere. Il diritto di scegliere è un diritto non sempre compiuto, così come il diritto alla felicità, soprattutto per i bambini, talvolta è un sogno. Napoli è città visionaria, è città in cui la persona prevale sul denaro, in cui l’essere è più forte dell’avere. Se penso alla Sua mirabile enciclica Laudato sì, mi pregio di raccontarLe che Napoli è l’unica città italiana in cui l’acqua è tutta pubblica, ABC (acqua bene comune), questo è il nome della nostra azienda. Napoli è la città dei beni comuni, in cui luoghi degradati sono divenuti, grazie all’opera delle comunità di abitanti, posti in cui si realizza profitto sociale e rigenerazione urbana. Napoli è la città in cui nessuno si sente straniero, è città con profonda identità, ma è città senza confini. Essere napoletano è meraviglioso, la nostra è una città mondo. Il nostro popolo ha ovviamente limiti, difetti, ma ha una grande capacità di resilienza, un’immensa cultura, una profonda umanità, un cuore assai grande. Le Sue forti e credibili parole, Santo Padre, consolidano la fede dei credenti, illuminano il percorso dei laici. Napoli, per dimostrare in questi tempi bui la sua lotta per la pace, per la giustizia sociale, per la fratellanza, per l’uguaglianza e le libertà, sarà teatro, il 29 giugno, del primo corteo a mare per una battaglia pacifica di civiltà. Centinaia di barche, piccole e grandi, attraverseranno il golfo di Napoli per dire sì alla vita, alla difesa del mare e della madre terra, per un nuovo umanesimo. Vogliamo costruire un futuro dal volto umano, in cui coesione e valorizzazione delle differenze prevalgano su rancore, pensiero unico ed egoismi. Carissimo Francesco, Napoli sta fondando il suo presente e il suo riscatto su umanità e cultura, energia vulcanica – siamo la città in Europa con più bambini e giovani – contro depressione e lamento fine a se stesso. I soldi sono pochi, ma la voglia di vivere amando è grande. Grazie di cuore per quello che Lei fa, carissimo Francesco, con pensiero, cuore e passione, quale fortissimo punto di riferimento credibile per tutte e tutti. Del resto, alla fine della vita terrena, non conterà quanto abbiamo posseduto, ma quanto abbiamo amato. E chi sceglie l’amore è più facile anche che incontri la gioia e la felicità della vita, che è il dono più immenso, senza prezzo. Benvenuto a Napoli, Francesco.

Read More
PRIMO PIANO

Mancano ormai 15 giorni per le Universiadi Napoli 2019. Il lavoro da fare è ancora tanto e difficile. Mi sento però già di ringraziare le tante persone, donne e uomini, che stanno lavorando da circa un anno ad un obiettivo per il quale tanti all’interno di alcune Istituzioni non credevano realizzabile. Solo chi non conosce le capacità della nostra città, oppure perché lavora perché le cose non si facciano a Napoli, non sa di quanto siamo capaci soprattutto nelle situazioni di maggiore stress ed adrenalina. Tantissime persone, in molteplici funzioni, stanno facendo un lavoro enorme e difficile. Negli uffici amministrativi, nei cantieri, nelle istituzioni cittadine. Nel ruolo di coordinamento per le Universiadi in città vi sono soprattutto donne, dipendenti del Comune di Napoli, alle quali mi rivolgo con orgoglio per la loro competenza, professionalità e passione che stanno dimostrando per raggiungere un obiettivo così importante per la città. Adesso è necessario che tutte e tutti, soprattutto coloro che sono addetti ad uffici deputati a garantire servizi alla città, diano il massimo affinché Napoli possa farsi trovare nella migliore forma possibile, al netto dei problemi e delle sofferenze. Tutto quello che stiamo realizzando ce lo ritroveremo. Senza la Napoli degli ultimi anni questo evento non si sarebbe mai potuto nemmeno ipotizzare a Napoli. Oggi la città attira investimenti privati (il cui denaro è nella disponibilità delle persone che investono) e pubblici (che ci siamo guadagnati e che non sono di proprietà di chi ha l’obbligo di investire sui territori). Il Governo è distante da questo evento di portata nazionale, le donne e gli uomini della Regione Campania svolgono il loro ruolo in cooperazione leale con il Comune, la città di Napoli ancora una volta si è caricata la grande fetta di lavoro e responsabilità. Fatti tanti, propaganda zero. In questo modo continueremo a lavorare nei prossimi giorni per le Universiadi. Attendiamo, con ospitalità massima, dalle prossime ore, 8000 atleti, 18 discipline sportive, 30000 collaboratori, 128 Nazioni, 100 televisioni di tutto il mondo. Per non parlare delle centinaia di migliaia di viaggiatori che ci onorano della loro visita. Napoli è città mondo, Napoli vuole essere capitale del Mediterraneo!

Read More
PRIMO PIANO

Il 3 luglio sarà una giornata storica per Napoli, è il giorno dell’inaugurazione delle Universiadi Napoli 2019. Dopo le Olimpiaidi, le Universiadi sono l’evento sportivo mondiale più importante. A Napoli avremo circa 8000 atleti, 30000 collaboratori, 128 nazioni, 100 televisioni di tutto il globo. Napoli città più giovane d’Europa, diverrà, sino al 14 luglio, giornata conclusiva in piazza Plebiscito, la città sportiva giovane del mondo. Napoli è stata scelta per quello che sta rappresentando, gli organizzatori internazionali mi confidano che vi è un’attenzione euforica su quello che la città potrà essere tra qualche giorno. E’ una sfida che noi abbiamo raccolto, quando nessuno più ci credeva e altre istituzioni avevano già mollato. Ce la stiamo mettendo tutta, da parte nostra, per vincere anche questa sfida. C’è bisogno dell’aiuto di tutti. La città deve centrare l’obiettivo. Non chiedetevi che cosa debbano fare gli altri per essere pronti ed ospitali, ma chiedetevi che cosa ognuno di voi può fare per contribuire alla vittoria della città. Napoli in quei giorni darà un messaggio potente al mondo: città dello sport, dei giovani, della cultura, della pace. Lo sport come fortissimo strumento di pace per sconfiggere barriere, razzismi, violenze, disuguaglianze. Vorrei che in quei giorni, come insegna lo sport vero, ci possa essere rispetto per tutti, sentimento di comunità, gioia di stare insieme per partecipare e vincere, nel rispetto delle regole e degli altri. E dopo il passaggio delle Universiadi avremo una città certamente migliore: più forte nel mondo, con più opere fatte, con più ristrutturazioni compiute; soprattutto gli impianti sportivi saranno tra i più competitivi d’Europa. Sono napoletano doc e so che Napoli le sfide più difficili non le perde mai. Crediamoci e vedrete che orgoglio sarà per la nostra città. Forza Napoli !

Read More