Post Archive

marzo 2018

Pace
PRIMO PIANO

In questi giorni che si evocano tanto Gesù, la Pasqua, la Terra Santa, la salvaguardia del creato, la via crucis, la resurrezione, i bambini del mondo….da laico, credente nell’amore eterno, imploro affinché la tenerezza senza confini di questo bambino – che difende la sua Terra da chi la violenta occupandola – abbia la forza di disarmare le vostre armi ed armare i vostri cuori di un briciolo d’amore.

Read More
No al Debito Cr8
PRIMO PIANO

Dopo sette anni di tagli, di leggi ingiuste, di gabbie finanziarie e di attacchi alla Città nelle ultime settimane si sono abbattuti su Napoli con ingiustizia e violenza due macigni istituzionali che rischiano di compromettere gravemente il consolidamento della rinascita della nostra comunità. Si tratta di due debiti storici dello Stato di cui i napoletani non hanno alcuna colpa.

Un debito di circa 100 milioni (CR8) del commissariato post-terremoto risalente al 1981 ed un debito di circa 50 milioni (UTA) del commissariato emergenza rifiuti risalente a dieci anni fa.

Ora che Napoli, con onestà e coraggio, si è liberata da commissariamenti ed emergenza rifiuti vogliono farci pagare, con ingiustizia profonda e con violenza, debiti storici, ingiusti ed illegali. È necessario ribellarsi alle ingiustizie che sono un attacco ai diritti della Città e del suo Popolo! Si deve ottenere l’eliminazione di questa ingiustizia che rischia di soffocare la Città. Se Governo e Parlamento – che hanno gli strumenti normativi per intervenire – non elimineranno rapidamente questa ingiustizia la Città dovrà sottrarre 150 milioni ai servizi con danni incalcolabili per la nostra Comunità. La Città resisterà, ma ingiustamente vedrà, in un bilancio già povero, la sottrazione di risorse necessarie per i bisogni delle persone e per i diritti costituzionali.

Nessuno può rimanere indifferente in quanto i danni di questa ingiustizia clamorosa ricadono su tutta la comunità napoletana, su tutti Noi!
La mobilitazione e la partecipazione popolare a questa lotta per i diritti e per la Giustizia saranno determinanti per la Vittoria.
Sii protagonista e partecipa anche Tu alla manifestazione contro il debito ingiusto ed in difesa della Città sabato 14 aprile alle ore 10.00 in Piazza Municipio

Read More
Napoli panorama
PRIMO PIANO

Il peso della Città è una croce, grande e pesante, che portiamo con fatica, resistenza, forza, dignità, passione ed orgoglio. Per amore di Napoli. Non aver mai mollato, anche con la schiena piegata ma mai spezzata, ha consentito la rinascita di questa Città. Stiamo vincendo tanti campionati – turismo, cultura, talenti, imprenditoria giovanile, avamposto nella lotta a mafie e corruzioni – ma c’è chi non smette mai di lavorare – con subdoli e perfidi mezzi politici ed istituzionali – per farci ritornare in serie B, facendoci ripiombare negli anni bui. Il Sistema sconfitto duramente dal popolo napoletano e dal lavoro della nostra amministrazione vuol arrestare la potenza di Napoli scagliandoci un attacco micidiale al quale è difficile resistere: il meteorite istituzionale improvviso del debito ingiusto di 150 milioni del dopo terremoto e dell’emergenza rifiuti. Ci attaccano volendo farci pagare per evidenti responsabilità di altri. Quelli che hanno distrutto negli anni passati la Città ed il suo popolo cercano di tornare come fantasmi. I fantasmi vanno respinti con una lotta fortissima. Stiamo lottando ormai senza più rifornimenti, senza armi, senza viveri. Ovviamente non molleremo mai e Napoli non sarà sconfitta, ma abbiamo bisogno dell’unità popolare e del sostegno dei napoletani. La Città deve farsi sentire con il Parlamento ed il Governo affermando che tutto questo è ingiusto, illegale e contro la Città. È tanta in questi giorni la rabbia, l’indignazione, così come fortissima ed indomita è la reazione che abbiamo messo in campo. Non molliamo mai perché siamo la Città della Resistenza, perché stiamo dalla parte del giusto e perché crediamo nella riscossa e nella vittoria. La nostra lotta che non può che condurci a vincere quest’altra battaglia la vogliamo dedicare a chi soffre assai e meriterebbe una Pasqua diversa: alle migliaia di bambini della Siria che muoiono nel silenzio e nella complicità dell’ordine costituito mondiale, alle partigiane e ai partigiani che combattono ad Afrin assediata dall’esercito turco a cui l’unione europea concede miliardi di euro per costruire mura di respingimento, a coloro i quali vengono ancora incriminati per il “reato di solidarietà ” per avere salvato dalla morte i rifugiati nel mar mediterraneo, al poliziotto francese che eroicamente si è fatto ammazzare dai terroristi dell’Isis per salvare vite innocenti, alle donne e ai ragazzi vittime della violenza, ai politici catalani arrestati per le loro idee. La dedichiamo anche a tutti quelli che fanno la rivoluzione governando senza cedere al compromesso morale e a coloro i quali hanno il coraggio di non accettare i voti di chi in un Paese normale dovrebbe stare in galera. La nostra lotta – spesso a corpo nudo, senza armi – è per i diritti del nostro popolo, per la giustizia sociale, per l’uguaglianza. È iniziata un’altra settimana decisiva per la nostra Città e noi, come una grande squadra, con umiltà e determinazione, con infinita passione, lotteremo per vincere sapendo che nella partita napoletana esiste un solo risultato.

Read More