Post Archive

luglio 2017

PRIMO PIANO

Nei giorni scorsi magistratura e forze dell'ordine hanno arrestato, per il gravissimo reato di incendio boschivo, uno degli indiziati piromani che hanno dato fuoco al Vesuvio. Nei confronti degli accusati di questi disastri naturali e di altri attentati ai beni comuni - vale per il Vesuvio, come per gli Astroni, come per ogni altro luogo paesaggistico o culturale - noi ci costituiremo parte civile. Chiederemo condanna a pene esemplari, magari da commutare ad un certo punto in lavori di ripristino dei luoghi violati. Ma non solo. Chiederemo il risarcimento dei danni e con i loro denari, averi e proprietà si contribuirà a ricostruire quello ohe hanno distrutto. Con la speranza che potranno capire, loro come altri criminali o stolti, che i beni comuni, la natura, i monumenti, la cultura sono patrimonio dell'umanità, da preservare, difendere, valorizzare ed amare, altrimenti la vita non ha senso compiuto. Vanno sovvertiti i valori: il bene di tutti vale più del bene di uno, il noi vale più dell'io, la condivisione vale più del possesso, l'essere tutti fruitori vale più che essere unico proprietario.

Read More
PRIMO PIANO

I beni comuni sono sempre più sotto attacco, quindi i beni comuni vanno difesi, con gli strumenti istituzionali e con la lotta popolare. Si combatte quotidianamente, anche corpo a corpo, per creare le condizioni per poter avere più mezzi e risorse per tutelare i beni comuni. Ma non è sufficiente. Non è solo questione di soldi e strumenti. È necessario che ci sia una coscienza collettiva forte sulla priorità di queste lotte. Bene comune è l'acqua: a giorni a Roma verrà razionata. Bene comune è la terra: gli incendi distruggono ambiente, paesaggio, ossigeno, vita. Bene comune è l'aria: inquinata oltre i livelli di guardia. Per non parlare di fiumi e mari. Cultura e persone sono aggredite in varie parti del mondo. Alcuni pensano che consumando tutto, accaparrando ogni cosa, sfruttando ingordamente, si raggiunga la felicità. Quanto può ancora durare tutto questo? La felicità sarà profonda e durevole solo se sapremo sovvertire le priorità della nostra esistenza. Cominciamo, allora, a difendere i beni comuni. In tanti lo facciamo. Ma dobbiamo essere ancora di più. Il benessere è preservare, valorizzare, curare, amare i beni comuni. E goderceli i beni comuni, uniti nelle diversità, con la voglia di coesione, unitamente alla ricerca di una umanità sempre più profonda.

Read More
PRIMO PIANO

Chi commette un omicidio in un attimo distrugge la vita di un persona. La cancella, in un momento. Chi incendia un bosco, una foresta, una montagna distrugge in pochi giorni quello che uomo e natura hanno realizzato per decenni, per secoli in alcuni casi. Esseri umani portatori di morte. Gli incendi di queste ore, di questi anni, stanno distruggendo i nostri paesaggi, la nostra bellezza, la nostra vita. L'incendio sul Vesuvio è un attentato alla nostra terra. Non può rimanere senza colpevoli. I responsabili devono avere pena esemplare. Manca profondamente il senso della vita. Solo l'amore e la difesa della natura, l'amore e la difesa dei beni comuni, l'amore della vita e per le persone, danno un senso alla nostra esistenza. Altrimenti non ci possono essere gioia e felicità. È necessaria la rivoluzione delle coscienze per arrivare al cambiamento. La nostra stessa esistenza come pianeta è in pericolo. Come si fa a non amare e rispettare la bellezza del creato, come si fa a sopravvivere nell'egoismo, nell'indifferenza, nel male. Si deve lottare in modo forte e determinato e trovare unità e coesione tra i popoli. Certe volte sembra di stare in guerra. Nei miei, nei nostri occhi rimarrà per sempre il Vesuvio attraversato dal fuoco per dolo di alcuni e per colpa di molti. Una immagine che non meritavamo noi tutti che amiamo all'infinito la nostra terra. Terra mia diceva Pino, terra nostra. Difendiamola, ricostruiamola, rendiamola sempre più bella. Noi vinceremo questa guerra, ma dobbiamo volerlo in tanti. Non consentiamo più a nessuno di violentarci !

Read More